venerdì 21 agosto 2015

Quanto siamo grandi?

Il flusso ha una direzione e un'intensità che sembrano totalmente fuori dal nostro controllo. Dico sembrano, perchè in realtà, come mi spiegavano tempo fa i miei spiriti guida, noi facciamo tutto, anche il fluire e il suo apparente andare da qualche parte. Quello che mi hanno spiegato è che, come un gioco, una specie di nascondino, facciamo in modo da convincerci di essere minuscole entità sperdute in un universo grandioso, inconoscibile e ostile per poi impegnarci nella riscoperta della nostra (infinita?) vastità. In genere tendo a dubitare quando gli spiriti guida tendono a diventare così mistici e sono sempre incline a rigettare ogni messaggio che arrivi da loro che non abbia una valenza pratica, tuttavia loro stessi mi consigliavano alla fine di non cancellare quel messaggio poichè ne avrei avuta una conferma nella mia realtà. Le conferme nella realtà sono eventi sincronici che sembrano previsioni del futuro, accadimenti che è difficile dire se siano stati da loro previsti o da noi creati appositamente e che tendono ad abbondare nei periodi di grande centratura. Così ho atteso, qualche giorno, poi un paio di settimane e poi è accaduto. Giorni fa ho avuto la fortuna e l'onore di chiacchierare con una simpatica signora, discepola diretta di Lester Levenson che mi spiegava abilmente l'essenza della consapevolezza pura e del metodo dei rilasci e, mentre parlavamo, dal nulla se n'è uscita con questa frase: "..devi sapere che sei sempre tu che fai tutto, e il contrario di tutto, il destino, il karma, il dharma è tutto in te. Bisogna adesso capire chi è questo te. E se questo te fosse molto più grande, molto più vasto di quello che credi? E se fosse la pura consapevolezza stessa? E se stessi giocando a nascondino con te stesso?". Al che, quando mi sembrava di sentire i miei spiriti guida ridacchiare alle mie spalle ho pensato bene di dirle che si, lo avevo avuto questo dubbio di essere più grande di così ma non COSI' grande certamente. Finito con lei ho quindi ricontattato i miei maestri per un chiarimento o forse anche solo per complimentarmi con loro su quanto sono diventati 'elevati' ultimamente (i miei sono sempre stati fin troppo terra terra):

"Non siamo noi che siamo cambiati, o più elevati, ma sei tu che ti stai muovendo in avanti verso un livello differente di consapevolezza. Non metterti subito in testa che sia superiore a quello che avevi prima o migliore di qualcun altro, ma pensa soltanto che ti stai spostando in una gigantesca griglia olografica, dentro un database enorme di informazioni divise in settori. Ora sei nel settore 'pura consapevolezza', che è l'argomento che ti sta a cuore in questo momento, quindi noi ci conformiamo a questo settore della conoscenza e ti portiamo i dati necessari affinchè tu possa conoscere qualcosa che avresti impiegato anni a imparare, e cerchiamo di fartela imparare nel minor tempo possibile. Ma sei sempre tu che decidi come, quanto e cosa imparare, come riferiva la tua amica"

Quindi io sono gli spiriti guida, io sono il flusso e ciò che lo origina e dirige, io sono la conoscenza che sto cercando e i messaggeri che me la recapitano, e...quanto sono grande allora io?
(mi gira la testa...)

giovedì 6 agosto 2015

Ancora sull'ego e sul costruire la fede


(da un vecchio libro che non ho mai finito di scrivere):

Una volta capito che abbiamo questa parte di noi che vuole sentirsi separata da tutto il resto, questa parte che lotta per la supremazia, per la ragione, questa parte che cerca di dimostrare la sua esistenza a discapito di quella degli altri, possiamo individuare tutta una serie di meccanismi basati sull'ego che prima di avere questa informazione non ci erano così fortemente evidenti. Vederli equivale ad averli già superati al cinquanta per cento. Questi atteggiamenti dovranno essere materia di osservazione minuziosa da parte del mago errante perché deve essere chiaro che fanno perdere energia e dunque potere personale. Che ci crediate o no gli 'ego' sono sempre in lotta fra loro per cercare di accaparrarsi questa 'energia'. Per energia intendo appunto il prana, che non esiste solo in quanto energia vivente-fisica, ma anche come energia psichica. Il misunderstanding dell'ego riguardo l'energia è figlio del suo senso di separazione e uno dei più ingannevoli tranelli a cui il mago errante deve iniziare a fare attenzione. Una persona affetta da 'ego' in misura eccessiva non è sostanzialmente capace di generare energia da sola. O meglio, non è capace di attingere all'energia universale che sarebbe già liberamente disponibile se solo la smettesse di bloccarsi proprio attraverso la costruzione e il mantenimento di un ego separato. Non può farlo. Quasi tutta l'energia che genera è impiegata a tenere su le sue strutture e i suoi bisogni, perciò è normale che poi senta la necessità di attingere un po' qui e un po' lì. Tutta la scienza del Qigong cinese parla di questo, essenzialmente di come rimuovere i blocchi che impediscono a questa energia in cui siamo sempre immersi e di cui partecipiamo costantemente, di scorrere liberamente nel sistema corpo-mente. Dopo un po' di tempo che praticavo qigong mi sono reso conto che l'essenza del qigong stesso non stava tanto nei movimenti, nella postura corretta e nella circolazione del qi. Il segreto per me sta nel trovare il centro, il vuoto, la pace mentre si pratica, che è poi anche l'essenza di quanto insegnato nel tao-te-ching. Alcuni maestri di qigong taoista affermano che se diventi il nulla allora puoi essere ogni cosa, che sembrerebbe un paradossale e insolubile indovinello zen  ma è un concetto che puoi capire molto facilmente quando pratichi gli esercizi. Quando la mente è disordinata, assente, nervosa, il qi scorre incontrando quei blocchi generati proprio dal nostro disordine e nervosismo. Il corpo vibra, salta, si scuote... ci si stanca presto ci si irrigidisce e ci si arrabbia e gli esercizi diventano un inferno. Quando la mente è ragionevolmente serena il qi scorre liberamente e si ha più forza proprio perché si resiste meno. Quando si incontra un blocco nel corpo, sotto forma di sintomo o dolore, e ci si  oppone a questo blocco,  il blocco stesso non tarderà a rovinare tutta la pratica. Se invece ci si accorge del blocco e lo si considera con la massima attenzione, senza giudizio e con la mente calma, il blocco cessa di essere un fastidio e può addirittura scomparire. E' così... l'energia non scorre dove c'è resistenza, blocco, dove si tende a non voler sperimentare ciò che c'è. Quando l'energia scorre fluidamente e senza intoppi non si ha soltanto una buona salute (che sarebbe già un motivo più che
valido per integrare questi concetti), ma si è anche allegri, sereni, ottimisti. Tutto ciò che si fa viene caricato di questa energia vitale, e ogni progetto che si intraprende tende naturalmente a realizzarsi. Tutta la questione dell'ego e del suo bisogno di energia è riassumibile in questo modo quindi: l'ego crede che ottenendo energia da fuori, cercandola negli altri o nelle cose del mondo, risolverà i suoi problemi. Il bisogno di approvazione ad esempio è un modo molto vantaggioso per accaparrarsi questa energia. In linea di massima più l'ego è ipertrofico più il portatore di ego ha bisogno di energia 'esterna' per nutrirlo, ed essendo l'ego stesso convinto dell'esistenza di un esterno e di fonti energetiche esterne a cui attingere è praticamente costretto ad agire in questo modo. L'ego poi è molto furbo e può portarvi a occuparvi degli altri come terapeuta solo per soddisfare il suo bisogno di energia, o a fare il relatore e a mettervi sul piedistallo dell'esperto di 'cose spirituali' per il medesimo motivo. Può farvi diventare quella persona con la quale tutti amano parlare, quello con cui ci si confida, solo per darsi lustro. Può portarvi a fare atti di beneficenza, azioni altruistiche, a cercare di 'salvare il mondo' più per i riconoscimenti che ne verranno (energia) che per amore. Oppure può farlo per sentirsi 'buono' o perché è 'giusto', tutte etichette tipicamente egoiche. L'ego con la sua credenza nella separazione e con il suo bisogno di supremazia può portarvi a distorcere principii spirituali con lo scopo di rinforzare piuttosto che demolire sé stesso. Può convincervi a imbarcarvi in grandi cause ambientaliste, animaliste, antirazziste, vegetariane, vegane, solo per condividere il suo bisogno di
avere ragione, con altri che la pensano come voi. Più un ego è ipertrofico più tende a cercare di sminuire, denigrare, mettere gli altri in una luce meno fulgida della propria e a costruirsi palcoscenici su cui essere l'unico protagonista. Un ego deve farlo se vuole essere 'visto', perché essere visto
gli fornisce quel surplus di energia che altrimenti non avrebbe. Gli ego ipertrofici cercano costantemente la discussione, il confronto, cercano continuamente di 'smuovere' gli altri, di 'far crescere' gli altri, di 'motivare'. Un ego smisurato capisce sempre per filo e per segno perché gli 'altri'
abbiano i problemi che hanno e cerca sempre di risolverli. Molti ego usano la provocazione come scusa per incitare negli altri un cambiamento. Questo accade unicamente per un errore di valutazione tanto piccolo quanto disastroso nei risultati. Dato che l'ego crede di dover mettere a posto tutto e tutti secondo i suoi concetti di giusto o sbagliato, e credendo di vedere 'errori' lì fuori, decide di sua spontanea volontà di apportare correzioni arbitrarie a una realtà arbitrariamente valutata. Ma il mago errante impara presto che la correzione non appartiene a lui ma a quel qualcos'altro cui deve imparare ad affidarsi. Quasi tutti gli ego amano parlare di sé stessi, e quasi sempre aborrono l'ascolto. L'ego teme l'ascolto empatico, la solitudine e il silenzio, che sono tre grandi capacità che il mago errante dovrà sviluppare se vuole imparare a generare energia da solo. Teme queste cose come tutte quelle che non lo mettono al 'centro'. Ogni ego tenta più o meno di manipolare situazioni a suo vantaggio e di costringere gli altri ad adattarsi a lui, l'ego è sempre costantemente all'opera per controllare ambienti, persone e circostanze affinché si adattino alle sue esigenze. Ogni volta che viene a trovarsi in una situazione che non si confà a queste esigenze, l'ego prova scomodità, paura, ansia, si altera, si distrae, se ne va. L'ego cerca spesso quei percorsi spirituali che promettono di fargli trovare la verità. Non capendo che la verità non esiste e che l'uso di questo termine è molto pericoloso, cerca le grandi verità nei libri, nelle parole di altri, nelle idee ereditate affinché confermino le sue opinioni. Questo crea separazioni e guerre tra coloro che hanno diverse opinioni e quindi diverse verità. Spero sia chiaro quanto sia importante uscire da queste specie di guerre degli ego non tanto per crearsi un'alternativa ed essere diversi ed esclusivi puntando il dito e ridendo di tutti quelli che l'ego ancora ce l'hanno (premesso che non è possibile mai uscirne del tutto secondo me), ma perché esiste un modo di vivere molto più efficiente e produttivo, un modo di vivere che non promuove la separazione e che dà accesso ad una energia nettamente maggiore. Uno dei modi più veloci a mio avviso per generare energia e abbassare lo strapotere dell'ego è, appunto, uccidere la propria importanza personale. Mi rendo conto che affermare questo in questo tipo di società dove la maggior parte della cultura si regge sull'importanza personale può suonare come una specie di blasfemia. Ciononostante la mia esperienza mi sta confermando sempre di più che l'importanza personale per un mago errante è un lusso, lusso che non si può assolutamente permettere. Tutta la questione dell'energia personale si riduce infatti a due sole scelte, sempre e costantemente: scegliere l'ego oppure scegliere quel qualcos'altro che possiamo chiamare sé superiore, spirito, universo o come volete, e per scegliere la seconda opzione l'importanza personale deve essere azzerata, ci si deve affidare completamente al qualcos'altro. Questa è per l'ego l'azione più difficile da compiere. C'è la possibilità che smettendo di investire nell'ego e dando credito al qualcos'altro si attinga a questa riserva di energia pressoché infinita, che non richiede estenuanti sforzi per essere generata, non contempla la competizione con gli altri e non ha nulla a che vedere col nostro presunto valore. C'è la concreta possibilità che cambiando la nostra psicologia da 'centrata sull'ego' a 'centrata sullo spirito' si possa ottenere un cambiamento sostanziale delle proprie condizioni di vita e di quelle delle persone che interagiscono con noi. Uccidere l'importanza personale è un altro lavoro sporco (che qualcuno deve pur fare) per il mago errante, uno di quei processi per i quali probabilmente non basta una vita intera. Anche qui non c'è via migliore per avere risultati dell'auto-osservazione, continua, consistente, spietata. L'importanza personale significa essere ancora convinti che 'io' sono il centro di questo mio mondo, l'attore unico di questo palco di cartone. Significa ancora che 'io' sto facendo tutto con le mie sole forze, e miei, solo miei, sono i meriti di tutto quello che sto ottenendo e concretizzando. Il che è onesto e degno di stima. Pensarla così, pensarsi unici, separati e quindi importanti ci costringe però a fare affidamento solo ed esclusivamente sulla nostra energia e la nostra mente che, per quanto sviluppate, sono pur sempre limitate rispetto alla connessione in rete che lo spirito rappresenta. Uscire da questo paradigma rinunciando alla nostra importanza, fa si che siamo costretti a sviluppare il potere più importante fra tutti i poteri che il mago errante possa sviluppare: la fede. Se potessi fare una scala di misurazione la fede starebbe esattamente al polo opposto dell'ego. La fede è infatti, per me, la totale assenza di qualsiasi tipo di bisogno (di approvazione, controllo e sicurezza), l'assenza di qualsiasi attaccamento o avversione, ma, come tale, va costruita e in maniera anche abbastanza scientifica. Io non credo proprio che, se esiste un Dio, possa essere minimamente irritato dal fatto che prima di decidere di usare questo strumento lo mettiamo un po' alla prova, magari attraverso piccoli esperimenti, prove e controprove prima di passare alle grandi manovre, anzi penso che questo sia abbastanza inevitabile. Molti hanno inteso la fede come una capacità che o c'è o non c'è senza vie di mezzo, e qualche religione prova ancora a farci passare quest'immagine (e anche molti libri sulla legge di attrazione direi) per cui o sei dei nostri e hai fede o ancora fai affidamento sulla mente razionale e sul suo bisogno di  prevedere, pianificare. Quindi lo ripeto, la fede va accuratamente costruita giorno per giorno, millimetro per millimetro, con prove ed esperimenti.